macramandoilmacrame


Vai ai contenuti

Cenni Storici

Cenni di Margarete

Il "Pizzo Margarete " è una particolare lavorazione a nodi che deriva dal macramè tradizionale.
E' stato ideato da Margarete Naumann , insegnante alla Scuola Superiore d'arte e mestieri di Dresda, di Plauen e Magdeburg nei primi anni del 1900 e da lei ne ha preso il nome: "Margaretenspitze".
Su questa lavorazione scrisse un manoscritto che venne purtroppo distrutto durante la seconda guerra mondiale e le fu impossibile riscriverlo in quanto morì poco dopo nell'anno 1946.
Dobbiamo, all'opera di Lotte Heinemann prima ed a quella di Adriana Lazzari in questi ultimi anni, la riscoperta e la recente diffusione di questo splendido tipo di lavorazione.
La caratteristica principale di questa tecnica è la possibilità di sviluppare il lavoro in tutte le direzioni, realizzando elementi sia piani che
tridimensionali, partendo da fasci di fili che poi vengono gradualmente rilasciati con nodi semplici, doppi, tripli e multipli .
Con fili annodatori e fili di base, fili raccolti in fasci e rilasciati in tutte le direzioni, si sviluppano ed uniscono elementi vari: foglie, ventaglietti, archetti, riccioli e volute.
Non servono disegni o schemi perchè, conoscendo le regole di base per realizzare i vari elementi e per unirli tra loro, si riuscirà a creare i pizzi secondo la propria fantasia e creatvità.

Per chi volesse impararla consiglio il libro di Adriana Lazzari : " MACRAME' il pizzo MARGARETE" che potrete acquistare direttamente
da lei.
adilazzari@alice.it


Torna ai contenuti | Torna al menu